Sant’Ermete, la festa

Sabato scorso c’è stata la festa di Sant’Ermete in paese.

E’ sempre bella, forse perché l’ho sempre vissuta.

Due bancarelle di dolci, una di giocattoli e la lotteria dell’asilo. Questo è tutto.

Ma quello che c’è di bello è la processione: le confraternite, i riti, i Cristi che sfilano lungo le vie, i portatori con le cappe e berretti bianchi arrotolati, l’orgoglio di portare avanti questa tradizione. Il cambio tra i portatori, che lascia sempre chi guarda un po’ col fiato sospeso, i portatori coi Cristi della nostra confraternita che prima di rientrare in chiesa fanno il giro sulla piazza salutando uno a uno tutti i Cristi che hanno partecipato. La cassa di sant’Ermete che entra ed esce tre volte dalla porta della chiesa, in cima alla scalinata, prima di chiudere la processione. E il Cristo grande della confraternita che viene fatto “ballare”, roba da lasciare a bocca aperta.

L’anna era in visibilio, in entusiasmo, ballava con la banda, si è spellata le mani ad applaudire per il cristo che ballava.

E marco ha portato il Cristo piccolo che apriva la processione. Tre amichetti e lui, a darsi il cambio come veri portatori.

E alla fine, in cima alla scalinata della chiesa, l’hanno fatto ballare 😀

Tradizione e bambini, è bello vedere l’emozione e l’entusiasmo, il loro sentirsi importanti a fare la loro parte in qualcosa che ha radici profonde.
Ma è bello anche vedere adulti e ragazzi che portano avanti questa bellissima tradizione della nostra terra.

Qui qualche foto 🙂
[album id=2 template=compact]

se volete guardare l’album completo potete trovarlo sul sito della Confraternita.

Alessandra

Io sono Alessandra

"e scrivo e scrivo e ho molte altre virtù"; un blog come qualcosa da lasciare ai propri figli


emailTwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Comments

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *