kellig

Adesso non so se sono io ad essere diventata più sensibile, se tutto sia amplificato dal mio problema di immedesimazione nelle storie che leggo o se invece il merito sia tutto della piccola bellissima storia da una sera a letto senza sonno.
Però mi scopro a spiare le scapole dei miei due bimbi.
E a cercare di sentirmi dentro il petto i battiti di ognuno di loro.

Alessandra

Io sono Alessandra

"e scrivo e scrivo e ho molte altre virtù"; un blog come qualcosa da lasciare ai propri figli


emailTwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Comments

commenti

2 thoughts on “kellig

  1. Devo ringraziarti, mi hai regalato belle emozioni 🙂
    Mio fratello l’ha già letto in un giorno e si è commosso, ora è passato a mia mamma
    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *