pomeriggio

Pomeriggio, baccano dai pollai
cani trattenuti e nervosi
gatti silenziosi
i tuoi gerani meravigliosi

e sopra a tutto quel poco per ciascuno
il canto ininterrotto del cielo
pomeriggio di un mese di spose e cose prodigiose

nel mio pomeriggio urlano improvvise le faraone dai pollai vicini, come se dovessero avvisare di qualcosa e invece non avvisano di niente. le anime corrono tra l’erba superstite delle fasce e si sentono passare a volte.
i cani sonnecchiano e si risvegliano improvvisi e scattanti per un rumore  di gatto tra i cespugli, per una volpe nella notte, per un motore che li disturba.

nel mio pomeriggio, le caprette mangiano dalle mani del topobambino che fiero sa quali foglie sono preferite; e vuole entrare nel recinto, oppure infilarsi nel pollaio… e ormai con la manina arriva alla serratura e la fa scivolare.

pomeriggio adesso tace il tosaerba
ed e’ gia’ partita la trivella della cava
e sono colpi che svuotano per sempre
anche la mosca e’ tornata puntuale, meno male,
qualche fastidio ogni tanto ci vuole.

Ci vuole un bel tacere per ascoltare tutto
il tuono, il boato lontano sul silenzio distratto
clacson, campane, incessanti motori
voci di figli e di genitori

non c’è cava né trivella nel mio pomeriggio, è vero; ma rumore di trattori che entusiasmano il topobambino, motoseghe a volte, muggiti e cavalli
“pticum pticum”
c’è fieno e legna, la casetta colorata per aprire le finestre.

e voci, voci… quelle sì, le nostre voci.

Alessandra

Io sono Alessandra

"e scrivo e scrivo e ho molte altre virtù"; un blog come qualcosa da lasciare ai propri figli


emailTwitterFacebookLinkedInGoogle Plus

Comments

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *